Mercoledì, 11 Ottobre 2006 15:14

Valutazioni Psicodiagnostiche

Le Valutazioni Psicodiagnostiche effettuate dai professionisti del Centro sono basate sull’ausilio del colloquio clinico, dell’osservazione diretta e dei test psicologici (test di livello, questionari di personalità, test proiettivi, test grafici, self-report) maggiormente accreditati in ambito scientifico nazionale e internazionale. L’integrazione delle indicazioni desunte dalle diverse metodiche utilizzate consente di delineare un quadro psicologico ricco e completo.

L’utilizzo dei test permette di conoscere gli aspetti funzionali e disfunzionali della persona, così come le risorse disponibili e le potenzialità attivabili, fornendo preziosi indicatori al fine di individuare il trattamento clinico maggiormente adeguato. I test sono differenziati in test per adulti, test per l’infanzia e test per l’adolescenza.

All'interno del contesto clinico, la valutazione psicodiagnostica permette di approfondire la conoscenza relativa alle proprie caratteristiche personali, relazionali e contestuali, configurandosi quale strumento elettivo mediante il quale predisporre un progetto psicoterapeutico mirato, commisurato alle risorse e alle esigenze della persona.

All’interno del contesto forense, la valutazione psicodiagnostica permette di pervenire ad un’approfondita conoscenza delle condizioni psichiche dell’interessato, in linea con le richieste del Diritto e con le finalità dei procedimenti giudiziari in essere. Per acquisire maggiori informazioni a questo proposito, si consiglia di consultare la voce Perizie psicologiche e Consulenze tecniche

Pubblicato in Psicologia Clinica
Mercoledì, 11 Ottobre 2006 09:12

Ipnosi clinica e Training autogeno

Ipnosi

L’ipnosi - o ipnoterapia - utilizza il rilassamento guidato e attraverso delle precise tecniche, viene indotta una trance ipnotica. Non si deve pensare che il soggetto sia completamente in balia del terapeuta, o che il terapeuta gli possa far mettere in atto gesti inconsulti o comportamenti compromettenti. Per capirci Giucas Casella non fa ipnosi, non è uno psicologo e nemmeno un medico. Diciamo che è un uomo di spettacolo e pertanto fa lo showman. 
Il soggetto mantiene sempre una parte cosciente che illumina la strada nell'inconscio. In questo stato, le difese legate alla coscienza vengono deliberatamente allentate e tutto quello che succede intorno alla persona è temporaneamente bloccato, lontano o ignorato. In questo stato naturale, una persona può concentrare la sua attenzione sulla parte inconscia della propria mente.
Il soggetto potrà focalizzare la propria attenzione inconscia su pensieri e compiti specifici.

A cosa serve l'ipnosi?
Lo stato ipnotico consente ad una persona di essere più aperta alla discussione con gli altri e con se stesso. Può essere utile per migliorare molte condizioni, tra cui:

  • Paure, fobie
  • Stati d’ansia
  • Depressione
  • Stress
  • Il dolore e la perdita
  • Dipendenze
  • Malattie psicosomatiche.

Si può anche usare per aiutare a controllare il dolore e per superare abitudini dinsfunzionali, come fumare o mangiare troppo.

"Tutto è ipnosi" e "tutti possono essere ipnotizzati". Queste sono le affermazioni del famoso psichiatra americano M. H. Erickson.
Il cervello ogni 90 minuti passa da uno stato “vigile” di coscienza ad uno stato alterato di coscienza per circa 10 minuti. Il calcolo del tempo è molto variabile da soggetto a soggetto.
Quante volte vi è successo di fare un tratto di strada senza esserne coscienti e senza essere in grado di ricordare le vie che vi hanno condotto a destinazione?
Beh! anche se siete ancora increduli, eravate in uno stato alterato di coscienza, l'equivalente di essere in uno stato ipnotico.
Allora cosa mi posso aspettare da una seduta ipnotica?
L'ipnoterapeuta induce l'ipnosi parlando in un modo dolce e in tono rassicurante. Descrive immagini che creano un senso di rilassamento, di sicurezza e benessere.
Quando si è in una trance profonda, l'ipnoterapista suggerisce modi per raggiungere obiettivi specifici, usando metafore, paradossi o sogni.
L'approccio che si sceglie dipende da ciò che si vuole raggiungere e dalle caratteristiche personali del soggetto e del terapeuta. Una tipica sessione di ipnosi dura circa 30-60 minuti. Si può trarre beneficio da una sola sessione o da più sedute di ipnosi.
E' bene ricordare che, sebbene l'ipnosi terapeutica renda più aperti ai suggerimenti, non costringe ad impegnarsi in un comportamento involontario.

Contrariamente a come l'ipnosi è rappresentata a volte nei film, in televisione o sul palco, non si perde il controllo sul comportamento. Il soggetto partecipa attivamente alla seduta, elaborando i propri vissuti.

 

 

Training autogeno

Il Training autogeno o T.A. è un metodo di autodistensione da concentrazione psichica che consente di modificare situazioni psichiche e somatiche.

Training significa “allenamento”, cioè apprendimento graduale di una serie di esercizi di concentrazione psichica passiva, particolarmente studiati e concatenati, allo scopo di portare progressivamente al realizzarsi di spontanee modificazioni del tono muscolare, della funzionalità vascolare, dell’attività cardiaca e polmonare, dell’equilibrio neurovegetativo e dello stato di coscienza. Autogeno significa “che si genera da sé” (G.Crosa).

Il T.A. fa riferimento al concetto bionomico dell’individuo in cui le componenti fisico-biologiche e psichiche sono interdipendenti; tale teoria si basa sulla considerazione che un cambiamento a livello fisico comporta modificazioni a livello psicologico, così come uno stato di tensione emotiva può presentarsi anche con sintomi di tipo prevalentemente fisico. Gli interventi sono dunque rivolti all’individuo nella sua totalità ed interezza, all’unità mente-corpo.

Il T.A. consente di raggiungere la distensione concentrativa in sei settori (o stadi): Muscoli, Vasi sanguigni, Cuore, Respirazione, Organi addominali e Capo.

Il Training Autogeno si compone di Esercizi-base o inferiori ed Esercizi Superiori. I primi sono esercizi somatici che permettono di raggiungere uno stato di assoluta passività. Essi interessano l’organismo nella sua totalità favorendo modificazioni dei sistemi fisiologici come la respirazione, la circolazione, l’attività muscolare ecc). Alla serie di esercizi del ciclo inferiore seguono quelli del Ciclo Superiore, non più orientati sul soma ma sulla psiche. Questi esercizi favoriscono l’emergere di aspetti profondi della personalità.

Il T.A. trova applicazione nella psicoterapia principalmente per i seguenti disturbi:

disturbi d’ansia, attacchi di panico, fobie, depressione, disturbi del sonno, disturbi alimentari, problemi psicosomatici, stress,problemi inerenti l’uso di sostanze, disturbi della sfera sessuale.

Ideatore del T.A. è stato I.H. Schultz (1884-1970). Nel 1905 lavora nella clinica medica dell’Università di Breslavia e sotto la guida di Richard Stern, comincia ad interessarsi di ipnosi. Legge i lavori di Oskar Vogt sul metodo frazionato. Partecipa inizialmente al movimento psicoanalitico, conosce Freud, si sottopone per 3 anni all’analisi, poi si allontana e si dedica definitivamente alla ricerca di un nuovo metodo.

Lavorando nel suo ambulatorio di ipnosi a Breslavia, comincia ad interessarsi alla medicina psicosomatica e dalle osservazioni sui pazienti trattati con l’ipnosi comincia a sviluppare i concetti chiave del Training Autogeno. Negli anni successivi Schultz perfeziona il suo metodo, fino alla pubblicazione nel 1932 della monografia dal titolo “Training Autogeno. Metodo di autodistensione da concentrazione psichica” (R. Baruzzo 2013).

 

 

 

Pubblicato in Psicoterapia
Mercoledì, 11 Ottobre 2006 22:13

Orientamento Sessuale

 

Cosultorio problematiche orientamento sessuale Padova

Il Centro offre un Servizio di Assistenza Psicologica volto a sostenere le situazioni di disagio incontrato dalle persone direttamente o indirettamente coinvolte nelle problematiche riguardanti l’orientamento sessuale.

Il Centro risponde sia alle esigenze dei singoli, che alle richieste delle coppie e delle famiglie che vivono con difficoltà l'omosessualità di uno dei componenti.

Inoltre, fornisce un supporto psicologico ai genitori che vivono con preoccupazione lo sviluppo dell'orientamento sessuale dei figli nell’infanzia o nell’adolescenza.

Sostegno e Counseling psicologico

Fornire informazioni e chiarimenti sulle questioni legate all’orientamento sessuale e allo sviluppo dell’identità di genere.

Sostenere la persona omosessuale nell’affrontare le problematiche legate alla famiglia, al lavoro e alle relazioni sociali.

Aiutare il/la partner e la famiglia nell’affrontare il complesso e doloroso percorso di accettazione dei problemi annessi all’orientamento sessuale

Psicoterapia e omosessualità

Il percorso psicoterapeutico consente di affrontare le difficoltà legate all'accettazione di se stessi (omofobia interiorizzata), alla rivelazione del proprio orientamento sessuale (outing), alla gestione delle relazioni familiari, sentimentali e sessuali, alla costruzione di una progettualità di vita che risulti soddisfacente.

 

Consultorio problematiche orientamento sessuale Padova

 

Pubblicato in Sessuologia

 

 

Transessualità e Scienze sociali. Identità di genere nella postmodernità

 

Introduzione

di Marco Inghilleri e Elisabetta Ruspini

 

Non c’è ragione di guardare dentro al cranio

dal momento che non c’è niente interessan da trovare lì a parte il cervello

H. Garfinkel

 

Questo libro nasce dall’incontro e dal dialogo venutosi a creare tra un piccolo gruppo di psicologi e sociologi che vivono tra Padova e Milano e che – per professione o per attività di ricerca – si interessano di tematiche relative all’identità di genere e all’orientamento sessuale. Si occupano, cioè, di quei cosiddetti queer studies che in Italia vengono tendenzialmente marginalizzati e trascurati da gran parte del mondo accademico, sia sul fronte delle scienze sociali che delle scienze psicologiche. Il processo che ha permesso allo zolfo della Sociologia di mescolarsi al mercurio della Psicologia è avvenuto in modo ufficioso ed informale, non seguendo i tradizionali percorsi che fanno riferimento ai Dipartimenti dell’Università. Piuttosto, il crogiuolo dove la miscela si è formata, è stato l’ambiente delle associazioni GLBT e dell’Ufficio Soggetti con Nuovi Diritti della CGIL.

La collaborazione tra Psicologia e Sociologia − senza dimenticare il cruciale contributo di altre Scienze Sociali: nel nostro caso la Filosofia e la Storia (rimandiamo ai capitoli di Benadusi e Bernini) − è fondamentale per riuscire a comprendere un fenomeno complesso qual è quello della transessualità. Questo dialogo tra discipline, favorito dalle criticità presenti nelle società contemporanee, è infatti una risorsa ormai irrinunciabile, una bussola che può permettere l’orientamento in un’epoca storica caratterizzata da fluidità, complessità, rischio, incertezza. Non a caso, proprio in tempi recenti è diventato possibile studiare la transessualità, mettendo a punto una prassi di intervento clinico che prende ispirazione dall’interazionismo simbolico e da autori di impronta sociologica quali George Mead, Herbert Blumer ed Erving Goffman (contributo di Fasola e Inghilleri).L’interazionismo simbolico non si limita a rappresentare una scuola di pensiero cara ad un certo filone di ricerca socio-psicologica, ma costituisce l’asse portante di un raffinato modello d’intervento impiegato in ambito terapeutico, sul cui tronco sono andate ad innestarsi le metodiche proprie della Terapia Breve Strategica, integrate con quelle di derivazione più propriamente costruttivista e costruzionista[1]. L’attenzione dello psicologo, in questo modello, non è più rivolta a cercare le spiegazioni di un comportamento in ciò che accade all’interno delle persone, prendendo in considerazione fattori come stimoli, atteggiamenti, moventi consci o inconsci, input psicologici, percezioni e rappresentazioni della condizione personale (Blumer, 1969). Il punto di osservazione viene spostato all’esterno, nel tentativo di comprendere un’azione o una condotta umana attraverso ciò che avviene tra le persone, nel corso delle microinterazioni della vita quotidiana e dei processi di produzione di senso dislocati entro cornici situazionali, in cui solo la stabilità delle fisionomie e dei corpi crea l’illusione di un sistema chiuso. Parafrasando le parole di Mead (1943), per lo psicologo interazionista la mente non sta nella testa delle persone, ma tra le persone, tanto da costituirsi come un fatto sociale totale.

Per lo spirito con cui è nato, anziché tracciare un punto di arrivo, il volume intende offrire delle ipotesi di lavoro, da cui poter generare ulteriori discussioni e considerazioni. In termini metaforici potremmo pensarlo come una sorta di corridoio su cui si affacciano tutte quelle discipline che conducono un discorso sull’umano e dove è possibile condividere le rispettive prospettive sul tema della transessualità. Lungi dall’offrire risposte definitive che soddisfino a pieno i nostri interrogativi, raccoglie proposte ed orientamenti per proseguire in questa feconda collaborazione interdisciplinare. Non a caso, come ricorda Popper, “La scienza non posa su un solido strato di roccia. L’ardita struttura delle sue teorie si eleva, per così dire, sopra una palude. È come un edificio costruito su palafitte. Le palafitte vengono conficcate dall’alto giù nella palude: ma non in una base naturale o «data»; e il fatto che desistiamo dai nostri tentativi di conficcare più a fondo le palafitte non significa che abbiamo trovato un terreno solido. Semplicemente ci fermiamo quando siamo soddisfatti e riteniamo che, almeno per il momento i sostegni siano abbastanza stabili da sorreggere la struttura” (Popper, 1970, p. 108).

 

 

Pubblicato in Sessuologia

Chi Siamo

intera
Presso il Centro di Psicologia Giuridica – Sessuologia Clinica – Psicoterapia di Padova ricevono i seguenti professionisti... 
Scopri Chi Siamo

Contatti

Per prendere appuntamento o per ricevere informazioni è possibile chiamare direttamente il Responsabile dell'area Consulenza Psicologica.

  • Telefono: 349.8632076

Google +

Dove Siamo

mappas
Il Centro Interattivamente si trova in Via Carlo Rezzonico, 22 – 35131 Padova.
Scopri dove siamo

Sei qui: Home Psicoterapia Aforismi, pensieri e citazioni sulla psicoterapia Visualizza articoli per tag: psicologo